venerdì, luglio 20, 2018
Home > Mondo > Antonio Guterres è il nuovo segretario generale dell’ONU

Antonio Guterres è il nuovo segretario generale dell’ONU

n39-onu-antonio-guterres-2016Le congratulazioni della Chiesa cristiana avventista.

EUDnews/Notizie Avventiste – Il portoghese Antonio Guterres è il nuovo segretario generale delle Nazioni Unite (ONU). Entrerà in carica a pieno titolo dal 1° gennaio 2017. La nomina del successore di Ban Ki-moon è arrivata per acclamazione dal Consiglio di sicurezza e sarà ratificata dall’Assemblea generale del palazzo di vetro.

“A nome dei membri della Chiesa cristiana avventista del settimo giorno in Europa, esprimiamo ad Antonio Guterres le nostre congratulazioni per la sua elezione a segretario generale delle Nazioni Unite”, ha affermato il dipartimento Relazioni pubbliche della Regione Intereuropea (EUD) della Chiesa, “Siamo sicuri che sotto la sua guida l’ONU affronterà con efficacia le innumerevoli sfide del mondo odierno”.

Nato a Lisbona 67 anni fa, Antonio Guterres è stato primo ministro del Portogallo dal 1995 al 2002. Ha guidato il partito socialista portoghese dal 1992, mentre dal 1999 al 2005 è stato presidente dell’Internazionale socialista. Nel periodo 2005-2015 ha diretto l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR).

Corrado Cozzi, direttore del dipartimento Comunicazioni dell’EUD, ha dichiarato: “Nella Bibbia, Paolo ci invita a pregare per le autorità ed è ciò che faremo. Tra profughi in fuga, ingiustizie sociali in ogni ambito, terrorismo, guerre, violenza e abusi, in particolare nei confronti delle donne e dei minori, (Antonio Guterres) avrà, proprio come i suoi predecessori, un programma molto impegnativo. Il Signore gli dia la saggezza necessaria per contribuire alle soluzioni di pace e di rispetto incondizionato”.

“Un ringraziamento particolare va a Ban Ki-Moon, per il suo impegno nella ricerca di una soluzione ai mille problemi che il mondo attraversa, e anche ad Antonio Gutteres per aver accettato questa sfida enorme”, ha concluso Cozzi.

(Foto: Nazioni Unite)