sabato, dicembre 16, 2017
Home > Mondo > Ambasciatore avventista farà parte della Corte costituzionale in Zambia

Ambasciatore avventista farà parte della Corte costituzionale in Zambia

Ambasciatore-Mulonda-ZambiaOrganizzato un pranzo in suo onore nella sede mondiale della Chiesa.

Notizie Avventiste/PARLnews – Palan Mulonda, ambasciatore dello Zambia negli Stati Uniti d’America, ha visitato la sede mondiale della Chiesa Cristiana Avventista del Settimo Giorno, il 27 luglio, dove ha incontrato i dirigenti della denominazione e partecipato a un pranzo organizzato in suo onore.

L’ambasciatore Mulonda, membro della Chiesa avventista, è da lungo tempo sostenitore dei diritti umani, esperto di diritto internazionale e costituzionale. Nel corso degli anni ha servito il suo paese in molti e diversi ruoli pubblici. Il suo triennio come ambasciatore a Washington sta per scadere e presto rientrerà in Zambia per assumere un incarico nel più alto organismo giudiziario del paese: sarà uno dei sette giudici della Corte costituzionale.

Mulonda è stato invitato da Ganoune Diop, direttore del dipartimento Affari pubblici e Libertà religiosa della denominazione mondiale. Nel dare il benvenuto all’ambasciatore, Diop lo ha descritto come persona che si è distinta all’interno della comunità diplomatica.
“Credo che Dio abbia permesso di spostarti dal mondo diplomatico alla sfera giudiziaria per motivi particolari”, ha affermato Diop, “in modo che tu possa servire la giustizia alla luce della tua fede e secondo la Costituzione del tuo paese”.

Ha poi aggiunto che il Signore ha ispirato vari avventisti a servire in quasi ogni ambito dei governi nel mondo: esecutivo, legislativo e giudiziario.

“Il mondo ha bisogno di una bussola spirituale, di leader e di direzione morale”, ha affermato Diop, “e ciò che, come avventisti, portiamo al tavolo delle nazioni è un focus sulla rivelazione di Dio, una visione del mondo e una visione morale”.

Ted N.C. Wilson, presidente della Chiesa mondiale, ha assicurato l’ambasciatore Mulonda che sarà sostenuto nel nuovo e importante incarico dalle sue preghiere e da quelle della famiglia avventista mondiale.

(Fonte: Bettina Krause, sito Public Affairs and Religious Liberty)

(Foto: Mylon Medley)