lunedì, giugno 25, 2018
Home > Italia > Alluvione a Livorno. Il cordoglio della chiesa avventista

Alluvione a Livorno. Il cordoglio della chiesa avventista


Il presidente Paris: “Non perdete la speranza”.

Notizie Avventiste – A tre giorni dall’alluvione che ha colpito Livorno, continuano i soccorsi alla popolazione colpita e la ricerca di una persona dispersa. 7 le vittime del nubifragio che, domenica 10 settembre, ha versato 400 mm di pioggia in 4 ore sulla città costiera della Toscana, causando l’improvviso ingrossamento di fiumi e torrenti.

Il presidente dell’Unione italiana delle chiese cristiane avventiste del 7° giorno ha espresso cordoglio in una dichiarazione rivolta alle famiglie delle vittime e alla cittadinanza.

“Sono profondamente addolorato per la calamità che ha colpito Livorno la scorsa domenica”, ha affermato S. Paris, “Desidero esprimere solidarietà e vicinanza alle famiglie delle vittime. Prego per loro perché ricevano conforto e sostegno in questo momento di dolore. Il mio pensiero va anche ai cittadini livornesi che hanno vissuto ore di paura e subito danni alle loro abitazioni. Prego perché non perdano la speranza e abbiano la forza di superare una così difficile situazione. Il Signore dice nella Bibbia: ‘Io ho visto le sue vie, e lo guarirò; lo guiderò e ridarò le mie consolazioni a lui e a quelli dei suoi che sono afflitti (Isaia 57:18)’. Invito le chiese cristiane avventiste a unirsi nella preghiera per quanti sono stati colpiti dall’alluvione e per le persone impegnate nei soccorsi”.

A Livorno è presente una piccola comunità avventista. “Non ci sono danni da noi”, ha detto Stefania Tramutola, pastora della chiesa livornese, raggiunta al telefono da Notizie Avventiste, “Dei 15 membri della comunità, solo una ha il garage allagato”.

Per quanto riguarda i soccorsi, al momento è la Protezione civile a intervenire. “Dal canto nostro”, continua Tramutola, “ci metteremo in contatto con le altre comunità religiose della città e le realtà laiche presenti sul territorio, con le quali collaboriamo di solito, per poter insieme capire quale aiuto offrire alle famiglie alluvionate”.