giovedì, luglio 19, 2018
Home > Mondo > Adra assiste 5.000 persone colpite dalle letali inondazioni in Nepal

Adra assiste 5.000 persone colpite dalle letali inondazioni in Nepal

A Nepalese driver and a passenger are heL’organizzazione umanitaria allestisce due campi medici per contrastare diarrea e malaria.

Notizie Avventiste/ARnews – L’Agenzia Avventista per lo Sviluppo e il Soccorso (Adra), sta allestendo due campi medici temporanei, in Nepal, per aiutare 5.000 persone e contrastare la crisi sanitaria causata dalle inondazioni letali che hanno colpito il paese alla fine di agosto.

Le piogge torrenziali, abbattutesi per diversi giorni, hanno ucciso almeno 32 persone e colpito altre 180.000; 30.000 le famiglie rimaste senza casa.

Mentre il paese lotta per ripulire l’area interessata e resta in allerta per il pericolo di nuove inondazioni, le autorità hanno segnalato un rapido aumento delle malattie potenzialmente mortali, tra cui la diarrea e la malaria.

“Acqua contaminata, carcasse di animali e le povere strutture a disposizione di coloro che vivono in rifugi di fortuna espongono le persone a un grande rischio per la salute”, ha spiegato Hartmann Beryl, coordinatore di Adra Australia, che allestisce i campi sanitari.

Medici, infermieri, educatori sanitari pubblici e altro personale opereranno per dare sollievo immediato e cure agli abitanti della regione, ricoverando negli ospedali i casi più gravi.

Principalmente, il lavoro di Adra si concentra nei distretti di Banke e Bardiya, dove le inondazioni hanno distrutto tutte e quattro le strutture sanitarie locali. L’Agenzia umanitaria aiuta queste strutture a rimettersi in piedi, fornendo attrezzature di base e medicinali.

“Per promuovere la prevenzione sanitaria e comportamenti positivi riguardo alla salute saranno anche organizzate rappresentazioni teatrali per strada, discussioni in gruppi e lezioni dimostrative”, ha aggiunto Hartmann Beryl.

Adra risponde ai disastri in tutto il mondo e attualmente ha diversi progetti in corso. Fornisce infatti assistenza medica nell’epidemia di ebola, nell’Africa occidentale; assistenza ai rifugiati siriani, fuggiti dalle violenze nella loro patria; soccorso e ricostruzione dopo il tifone Haiyan nelle Filippine.