Logo 8xmille avventista

Notizie Avventiste – A fine giugno, come ogni anno, la Chiesa cristiana avventista riceve dal Ministero dell’Economia e delle Finanze la cifra dell’8xmille a lei destinata dai contribuenti tre anni prima.

A giugno 2016 sono arrivati 2.000.922 euro, grazie alle 29.448 firme che i contribuenti hanno destinato agli avventisti nella dichiarazione dei redditi del 2013, riferita al periodo d’imposta del 2012.

“Ringraziamo i contribuenti che hanno deciso di darci fiducia”, ha affermato Franco Evangelisti, responsabile dell’Opera Sociale Avventista (OSA), l’ente che si occupa della gestione dell’8xmille, “È un onore e una responsabilità per una piccola chiesa come la nostra costatare che i contribuenti che ci hanno scelto rappresentano almeno 6 volte il numero dei contribuenti avventisti. Grazie a tutti per la fiducia che ci accordate. Da parte nostra siamo impegnati a gestire questo denaro con attenzione e invitiamo tutti ad andare sul sito www.ottopermilleavventisti.it per verificare e controllare come abbiamo investito questo denaro non solo in quest’ultimo anno ma in tutti gli anni dal 1994”.

La somma ricevuta nel 2016 ha registrato una flessione.
“Rispetto all’anno precedente abbiamo avuto una flessione di 398.484 euro”, ha precisato Evangelisti, “che corrisponde a 5.671 firme in meno. Considerando che comunque rispetto alle oltre 18.000.000 di firme, noi rappresentiamo lo 0,07 per cento, è difficilissimo trovare motivi di variazioni così minime rispetto al totale”.

Bisogna comunque considerare che “nel 2013 i contribuenti potevano scegliere di firmare anche per tre Chiese che negli anni precedenti non erano presenti nella possibilità di scelta; infatti le Chiese ortodossa, apostolica e battista sono tre new entry nel mondo dell’8xmille”, ha aggiunto il responsabile dell’OSA. Inoltre il totale delle firme è diminuito rispetto all’anno precedente di 112.140.

“È sicuro che da parte dell’Unione Italiana delle Chiese Cristiane Avventiste continua la grande attenzione affinché la fiducia accordata possa continuare a essere rispettata e a fare sì, come nel caso del terribile terremoto del 24 agosto scorso, anche noi possiamo intervenire, direttamente con le nostre risorse e i nostri volontari, e con le risorse che i cittadini ci mettono a disposizione con le loro firme”, ha concluso Evangelisti.

Condividi questa notizia con i tuoi amici…Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePin on Pinterest